CANTI

Sul sito dell'ANA di lecco potete trovare i testi dei più popolari canti degli Alpini cliccando qui.

Di seguito uno stralcio con illustrazioni.

 

******************************************


VENTI GIORNI SULL'ORTIGARA

Venti giorni sull'Ortigara
senza il cambio per dismontà
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pum ta pum...

E domani si va all'assalto,
soldatino non farti ammazzar,
ta pum ta pum ta pum...
ta purn ta pum ta pum...

Quando poi si discende a valle
battaglione non hai più soldà.
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pum ta pum...

Nella valle c'è un cimitero,
cimitero di noi soldà.
ta pum ta pom ta pum...
ta pum ta pum ta pum...

Cimitero di noi soldà
forse un giomo ti vengo a trovà.
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pum ta pom...

Ho lasciato la mamma mia,
I'ho lasciata per fare il soldà
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pom ta pum...

Quando portano la pagnotta
il cecchino comincia a sparar.
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pum ta pum...

Battaglione di tutti i Morti,
noi giuriamo l'Italia salvar.
ta pum ta pum ta pum...
ta pum ta pum ta pum...


IL TESTAMENTO DEL CAPITANO

Il comandante la campagna
l'è ferito e sta per morir
e manda a dire ai suoi alpini
che lo vengano a ritrovar.

I suoi alpini gli mandano a dire
che senza corda non si può passar
"O con la corda, o senza corda
i miei alpini li voglio qua".

E cò fu stato alla mattina
i suoi alpini son rivà
"E io comando che il mio corpo
in sette pezzi sia taglià".

Il primo pezzo al Re 'Italia
che si ricordi dei suoi alpini.
Il secondo pezzo al reggimento
che si ricordi dei suoi soldà.

Il terzo pezzo al battaglione
che si ricordi del suo capitan.
Il quarto pezzo alla mia mamma
che si ricordi del suo figlio alpin.

Il quinto pezzo alla mia bella
che si ricordi del suo primo amor.

Il settimo pezzo alle frontiere
che si ricordino dei bravi alpin.


SUL PONTE DI BASSANO

Sul ponte di Bassano
noi ci darem la mano
noi ci darem la mano
ed un bacin d'amor.

Per un bacin d'amor
successer tanti guai
non lo credevo mai
doverti abbandonar.

Doverti abbandonare
volerti tanto bene
quel mazzo di catene
che mi incatena il cor.

Che mi incatena il core
che mi incatena la vita
ohimé, che son tradita
per un bacin d'amor.


AI PREAT LA BIELE STELE

Ai preat la biele stele,
duch li Sants del Paradis:
che il Signor fermi la uére,
che il mio' ben torni al pais.

Oh tu stele, biele stele,
fa' palese il mio destin,
va' daur di che' montagne,
la ch'­ l'è il mio curisin

Je l'a dit Ç Ciol su la spade,
se tu tornis valoros
ti darai une bussade
tu sarai il mio moros. È

Mi moros l'è lat in uére,
a combati par l'onor
prearai matine e sere
par ch'el torni vincitor.


DOVE SEI STATO

Dove sei stato
mio bell'alpino ?
Dove sei stato
bell'alpino
che ti ha cangiá colore ?

L'è stata l'aria
dell'ortigara . . .
I'è stata l'aria
dell'ortigara
che mi ha cangiá colore.

È stato il fumo
della mitraglia...
È stato il fumo
della mitraglia
che mi ha cangiá colore.

Ma i tuoi colori
ritorneranno...
ma i tuoi colori
ritorneranno
questa sera a far l'amor.


SUL CAPPELLO

Sul cappello che noi portiamo
c'è una lunga penna nera
che a noi serve da bandiera
su pei monti a guerreggiar.

Evviva evviva il reggimento
evviva evviva il Corpo degli Alpin.

Su pei monti che noi andremo
pianteremo l'accampamento
brinderemo al reggimento:
viva il Corpo degli Alpin !

Evviva evviva il reggimento
evviva evviva il Corpo degli Alpin.

Su pei monti che noi saremo
coglieremo le stelle alpine
per donarle alle bambine
farle pianger e sospirar.

Evviva evviva il reggimento
evviva evviva il Corpo degli Alpin.

Farle piangere e sospirare
nel pensare ai bell'alpini
che tra il ghiaccio e le slavine
van sui monti a guerreggiar.


ADDIO, MIA BELLA, ADDIO

Addio mia bella addio,
che I'armata se ne va,
e se non partissi anch'io
sarebbe una viltà,

Il sacco è preparato
il fucile l'ho con me,
e se non partissl anch'io
sarebbe una viltà.

Ma non ti lasclo sola,
ma ti lascio un flglio ancor,
sará quel che ti consola,
sarà il figlio dell'amor.


ANGIOLINA,BELL'ANGIOLINA

O Angiolina, bell'Angiollna,
innamorato io son di te,
innamorato da l'altra sera
quando venni a balar con te.

E la s'ha messo la veste rossa
e la bustina di raso blu
e le scarpete co' le rosete,
fate a posta per ben balar.  


BERSAGLIERE HA CENTO PENNE

Bersagliere ha cento penne,
ma l'alpino ne ha una sola;
un pó piú lunga,
un pó piú mora
sol l'alpino la puó portare

Quando scende la notte buia
tutti dormon laggú alla Pieve
ma con la faccia
giú nella neve
sol l'alpin la puó dorrnir

Su pei montl vien glú la neve
la tormenta dell'inverno
ma se venisse
anche l'lnferno
sol l'alpin ci stá lassú.


Copyright © 2010 sito ufficiale del Gruppo Alpini Monte Resegone Belledo-Lecco

Informativa sui Cookie